NUOVE REGOLE PER LE SALE DA GIOCO a San Giovanni Lupatoto

NUOVE REGOLE PER LE SALE DA GIOCO a San Giovanni Lupatoto

Il 30 ottobre il consiglio comunale di San Giovanni Lupatoto ha approvato all’unanimità il regolamento per la disciplina delle attività di sale da gioco. Sono indicati tra l’altro gli orari di apertura, uguali per tutte le sale, dalle 10 a.m. alle 22 p.m. (per evitare gli spostamenti dei giocatori) richiamando la recente legge regionale che impone l’apertura solo nelle zone industriali adeguando le indicazioni operative in materia.

I contenuti del regolamento sono stati illustrati dall’assessore al Sociale e alla sicurezza Maurizio Simonato: “la delibera ha come fine il contrasto della “ludopatia” e daremo sostegno a tutte le iniziative idonee a promuovere interventi educativi e d’informazione per la prevenzione della dipendenza del gioco d’azzardo, stiamo inoltre preparando a questo scopo una campagna con volantini, manifesti e una serie di eventi. Questa patologia, infatti, ha un forte risvolto sociale; era uno degli obiettivi del nostro programma e da informazioni assunte presso l’USL, nel 2016 nel territorio dell’ex Ulss 20, erano presenti ben 117 casi di persone colpite da questa malattia oltre a 60 familiari assistiti. Le statistiche dicono che di solito si tratta di persone non giovani ma sappiamo che i dati forniti sono solo la punta dell’iceberg”. “Si tratta, ha continuato l’assessore, di una malattia sociale, così definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, perché l’incapacità di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse, compromette la salute e la condizione sociale del singolo individuo e della sua famiglia, al pari di altre dipendenze. Il regolamento accoglie anche la legge regionale con la quale si stabilisce che i Comuni possono determinare le distanze minime delle sale da gioco da scuole e centri giovanili e altri luoghi sensibili e precise disposizioni in merito sono state adottate ”.

Nel regolamento è specificato che chi entra in sala deve essere maggiorenne e certificarlo con valido documento d’identità. Non possono essere pubblicizzate le vincite e i locali non devono essere oscurati. I gestori inoltre devono esporre cartelli ben visibili con gli orari di funzionamento degli apparecchi e quelli che prevedono vincite in denaro devono rimanere spenti dalle 13 alle 17 di tutti i giorni, festivi compresi. Tutto il materiale informativo reso disponibile dalla regione tramite l’Usl deve essere esposto in luogo visibile, inoltre devono essere evidenziati i rischi correlati al gioco e ben segnalata la presenza sul territorio di servizi di assistenza per le persone colpite da patologie legate al gioco d’azzardo. “Daremo sostegno, ha precisato l’assessore, a tutte le attività finalizzate allo sviluppo d’interventi educativi e d’informazione, culturali, formativi e regolativi per la prevenzione dalla dipendenza del gioco d’azzardo”.

Giuliano Mantovani