RACCOLTA RIFIUTI, TARI (tassa) invariata

RACCOLTA RIFIUTI, TARI (tassa) invariata

Raccolta differenziata al 75%.
Rimandata la tassa “puntuale” in base alla quale ogni utente paga in relazione alle immondizie prodotte.
La tassa sui rifiuti nel 2018 non subirà aumenti. La raccolta differenziata nel territorio lupatotino per il 2016 si è attestata al 75 per cento e si allontana il progetto di attivare la raccolta “puntuale” in base alla quale ogni utente paga in relazione alle immondizie prodotte. Sono queste le tre novità scaturite nel corso del consiglio comunale prenatalizio.

Le tre news sono emerse in consiglio comunale dalla relazione svolta da Roberto Sterza, presidente della SGL Multiservizi.
“Il costo del servizio di gestione dei rifiuti è stimato per il 2018 in poco più di 3 milioni di euro” ha detto il presidente Sterza ai consiglieri. “Il livello di raccolta differenziata nel 2016 è stato del 75 per cento e ogni cittadino lupatotino ha prodotto in media 474 chilogrammi di rifiuti. La produzione pro capite di rifiuto indifferenziato è stata di 104 chilogrammi per abitante. Le utenze domestiche sono 10.411 e quelle non domestiche 1.403”.

Il consigliere civico di opposizione Alessandro Perbellini è intervenuto per chiedere quali azioni sono state messe in atto per ridurre la produzione dei rifiuti (e si è astenuto in fase di voto perché “non si premia il cittadino virtuoso”).

Il presidente di SGL Multiservizi ha ricordato i progetti educativi avviati con le scuole e la lotta all’abusivismo nei riguardi di chi ancora scarica i rifiuti non separati nei cestini delle immondizie. “San Giovanni Lupatoto punta ad avviare la tariffazione puntuale e quali benefici essa recherà al singolo utente?” è stata invece la domanda formulata dal consigliere M5s Andrea Chieppe, che ha chiesto di puntare sulla sensibilizzazione dei commercianti. “L’applicazione della tariffa puntuale è una scelta politica in quanto lo sforzo in più richiesto all’utente potrebbe non essere compensato da un adeguato ritorno economico” ha risposto Sterza.

Più dettagli sono stati forniti dal funzionario di SGL Gianni Biasi.
“Maggiori risultati in termini di incremento della differenziata, raggiungendo quote dell’80- 85 per cento, si possono ottenere se si parte da zero” ha spiegato Biasi. “La tariffa puntuale non è facilmente praticabile ed inoltre comporta alcune rigidità come il fatto che non è più possibile per l’utente conferire rifiuti all’ecocentro o che devono sparire tutti i cestini stradali. Se si parte da una situazione come quella in atto a San Giovanni Lupatoto, non appare al momento la soluzione migliore”. “Viene da chiedersi se c’è una precisa volontà dal parte dell’amministrazione comunale per premere l’acceleratore sul tema dell’educazione al rispetto ambientale” ha rilevato la consigliera Anna Falavigna che si è poi astenuta chiedendo che si investa maggiormente in formazione. Il consigliere Daniele Turella ha chiesto di valutare una raccolta porta a porta anche per il vetro, dal momento che le campane adibite sono un ricettacolo di rifiuti. Il consiglio comunale ha approvato anche la scadenza delle rate della bolletta della tassa rifiuti: a giugno e a novembre 2018. Il minor costo medio per famiglia sarà di 2,8 euro annui.

Renzo Gastaldo