Il Sentiero - Novembre 2020

Il Sentiero Proprietà, editrice, redazione: Il Sentiero Associazione Culturale Via Toscanini,10 (sede legale) - Via A.Volta, 43 (redazione) 37057 S. Giovanni Lupatoto - Partita Iva 02664680234 Tel. redazione: 045 9250545 (con segr. tel) - no fax La redazione di via Volta è aperta lunedì e giovedì dalle ore 10.00 all e 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00 posta elettronica: sito: www.s entierosgl.info Direttore editoriale: Gian Fortunato Spazian Direttore responsabile: Matteo Oxilia Stampa: Marchesini - Angiari (Verona) Reg. Trib. VR 26/11/84 n. 635 Vietata riproduzione testi e immagini Il Sentiero 2 EUROTENDA ® EUROTENDA ® # ($' + $' &# # !)#% T + F 045 8776980 #$"% !(&%'!$ )& !( *** !(&%'!$ )& !( Via S. Sebastiano 6/2, S. Giovanni Lupatoto (VR) Orari: Lun-Ven dalle 8.00 alle 13.00 045 549000 – www.sglmultiservizi.it info@sglmultiservizi.it – sgl13804@legalmail.it P.iva/codice fiscale: 03521030233 Numero verde segnalazione gas 800 107590 Dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 12.30 Sabato dalle 7.00 alle 14.00 Apertura pomeridiana: martedì dalle 14.30 alle 17.30 Telefono ecocentro: 045 875 1259 ORARI ECOCENTRO Zevio: Comune amico della famiglia Filippo Rigo, “Una famiglia non abbandonata a se stessa ma par- tecipe del contributo sociale a es- sa collegato. Un ruolo importan- te a fianco dello Stato, Zevio Comune Amico è un traguardo importante a vantaggio della co- munità. Pensare alla sostenibilità significa pensare a un nuovo Welfare”. L’affido in famiglia dell’anziano che non deve essere per forza un parente, rapporto hotel famiglia, queste e altre le proposte che sono in cantiere nel Consiglio Regionale. Da Raffaele Grottola, direttore dei Servizi Socio Sanitari dell’Ulls 9 arriva la “Proposta di un piano triennale a sostegno, con stru- menti a difesa delle famiglie più fragili e supporto. Una Rete co- mune, un fronte comune, per mettere insieme varie iniziative per utilizzare al meglio le risorse a disposizione. In Provincia già in 37 Comuni sta per iniziare l’espe- rienza dell’affido familiare. Un plauso al Comune di Zevio che ha ottenuto la certificazione”. L’orgoglio e la soddisfazione dell’assessore Michela Andreoli, in prima linea nel progetto. “Il piano”, conferma l’assesso- re, “mette nero su bianco i biso- gni delle famiglie. A breve ci sarà l’apertura dello Sportello Famiglia in collaborazione con l’Ulls e la Regione Veneto, che ha già stanziato dei fondi. Ogni cit- tadino troverà delle risposte e la conoscenza dei servizi del terri- torio, che spesso non si conosco- no. Il taxi sociale, già attivato da anni, sarà aperto anche alle neo mamme, che non vanno lasciate sole, l’ostetrica a domicilio in collaborazione con l’associazione “Il Melograno”. A concludere l’intervento in sintesi di Katia Leonardi, il Presidente del Consiglio Comunale, “è stato già attivato il servizio “è nata una mamma”, ci saranno corsi per genitori e wel- fare aziendali, binomio azienda- famiglia. Queste e tante altre pro- poste e iniziative che andremo a segnalare nel tempo. Siamo fieri di un traguardo su cui abbiamo tanto lavorato e che sarà molto utile per il territorio”. Ca’ del Bue: Gastaldello apre le ostilità. pliamento pendenti in Regione. “Il confronto con il comitato è stato positivo” dice ancora il sin- daco Gastaldello. “Li ho informati che l'ammini- strazione comunale è determina- ta nella prosecuzione sul piano amministrativo e giudiziario, del- le azioni di contrasto al progetto Ca' del Bue” riassume Gastaldello. “Pertanto provvede- remo a formulare, nei termini previsti, le osservazioni sulla va- riante più recente. Altrettanto fa- ranno loro”. Il sindaco attiverà inoltre un piano di coinvolgimento di tutte le forze politiche lupatotine nella battaglia a Ca' del Bue, tramite il Consiglio comunale e la Conferenza Capigruppo consilia- ri, al fine di raggiungere un fron- te unitario di opposizione. Una ulteriore iniziativa riguar- derà l'azione comunicativa per sensibilizzare la cittadinanza e gli altri Comuni. Si parla di stri- scioni posti nei punti nevralgici della città, volantini e messaggi di pubblicità radiofonica, oltre che il ricorso ai social media”. Nel 2010 il messaggio degli striscioni era: "Inceneritore di Ca' del Bue: tumori? No grazie!", Nel 2020 potrebbe essere "Puzza di uova marce? No grazie". La proposta del comitato al sindaco è questa e una bozza di striscio- ne è già nelle mani del primo cittadino. La guerra a Ca' del Bue è dichiarata. continua da pag.1 continua da pag.1

RkJQdWJsaXNoZXIy NTgyODY=